Forti palpitazioni al PalaMangano, la spunta Geas dopo un supplementare

13 gennaio 2020

Forti emozioni, come da attese, vissute intensamente prima, durante e dopo il match. Tra Sicily By Car Palermo e Allianz Geas Sesto San Giovanni è stato un thriller per 45 minuti, esaltante e drammatico, il cui epilogo ha preteso anche un supplementare. A spuntarla, come all’andata, è stata per 75-78 la Geas di Costanza Verona che, dopo un match complicato, ha deciso di spegnere le emozioni del suo ritorno a Palermo, vincendo la partita e battendo in un solo colpo la sorella Marta, capitano SBC, e la mamma Simona, vicepresidente delle padrone di casa.

Avvio di marcata fattura da parte delle palermitane, con una Cooper ispiratissima e autrice di 5 punti di fila e 2 assist per Gatling a prendere possesso del proprio habitat, con gli appoggi al vetro nel pitturato. Gambe un po’ ingessate per la Geas di coach Cinzia Zanotti, che ha però il merito di metterci subito la giusta intensità in difesa, pressando le fonti di gioco della SBC e limitando i danni al 18-15 con il quale si chiude il primo periodo. La storia cambia radicalmente nel quarto successivo: Williams prende le redini delle ospiti, andando a segno più volte e servendo assist, alcuni anche spettacolari, per le compagne. In generale, la squadra di Zanotti costruisce meglio gioco, partendo dalle rubate in difesa e aprendo poi a soluzioni dalla distanza. Palermo comincia a soffrire le diverse palle perse (16 a fine match), oltre che i rimbalzi offensivi concessi alle avversarie, tornati in questa partita sui livelli di quelli di inizio campionato. Le due triple consecutive di Crudo chiudono il primo tempo, che vede Geas avanti seppur di poco (32-34).

Piano partita rispettato per Sesto San Giovanni, incentrato sul limitare il gioco interno di Gatling, costretta spesso a cercare anche soluzioni dalla media distanza, molte a buon fine ma indubbiamente dalla percentuale realizzativa più bassa. Le tiratrici scelte di Geas, Oroszova e Williams su tutte, non si nascondono e la forbice tra le due squadre inevitabilmente finisce per aprirsi. Mortifere da oltre l’arco le milanesi, con Costanza Verona che si unisce alla ‘banda’ con la bomba che la sblocca. L’ultimo periodo dei regolamentari si apre sul 45-52, ma da qui parte la reazione delle palermitane: Cooper con la tripla, Cupido col canestro e fallo e Miccio con la specialità della casa, la bomba piedi per terra, fanno esplodere il PalaMangano che vede la propria squadra raggiungere Geas sul tabellone. Geas risponde con altre tre triple, a firma Verona e Botteghi, e il match diventa improvvisamente un incontro di boxe, con le due squadre a rispondersi colpo su colpo. Flores trova Gatling sotto canestro con gli effetti speciali, mentre Miccio infila la quarta tripla della sua gara. Cooper infiamma il pubblico con un tiro dalla distanza che porta a -2 Palermo, ma è la palla che Gatling ha tra le mani negli ultimi 30’’ a pesare tantissimo. La lunga americana non sbaglia dalla lunetta, impattando a quota 68 il match. Sul ribaltamento Williams sfiora il clutch-shoot, mandando dunque le squadre al supplementare.

Cooper trova subito Gatling alla vecchia maniera, con l’alto—basso, dall’altra parte segna ancora Gatling, ma nel suo canestro, tentando di pulire il rimbalzo. ‘Cocca’ Verona trafigge ancora il cuore del suo ex pubblico con la tripla centrale, ma sono fin troppe le seconde possibilità concesse a Geas. Coach Santino Coppa perde Gatling per cinque falli, Cooper prova a mettersi la squadra sulle spalle, ma Williams infila il canestro che non le era riuscito in precedenza. La tripla di Miccio non entra e la sirena suona inesorabile per una SBC ancora da applausi, nonostante qualche sbavatura, ma che non riesce a portare a casa l’ennesima impresa.

 

SICILY BY CAR PALERMO – ALLIANZ GEAS SESTO SAN GIOVANNI 75-78 dts (18-15, 32-34, 45-52, 68-68, 75-78)

SBC Palermo: Russo* 9 (2/2, 5/6), Manzotti, El Habbab, Cupido 7 (2/4, 3/5), Flores Costa* 2 (1/4, 0/2, 0/2), Cooper* 24 (6/12, 2/5, 6/8), Miccio* 12 (4/7), Verona, Casiglia NE, Caliò NE, Cappelli NE, Gatling* 21 (9/15, 3/4). Allenatore: Coppa S.
Tiri da 2: 20/37 – Tiri da 3: 6/15 – Tiri Liberi: 17/25 – Rimbalzi: 34 3+31 (Cooper 17) – Assist: 14 (Cooper 5) – Palle Recuperate: 4 (Miccio 2) – Palle Perse: 16 (Cooper, Cupido 4)

Geas SSG: Zampieri 4 (2/3, 0/1), Arturi, Botteghi 9 (0/1, 3/3), Verona 11 (0/1, 3/9, 2/2), Crudo 6 (0/1, 2/4), Oroszova 12 (2/2, 2/7, 2/2), Williams 19 (6/9, 2/5, 1/2), Panzera 1 (0/2, 0/4, 1/2), Ercoli 2 (1/6, 0/1, 0/2), Brunner 14 (7/17, 0/1). Allenatore: Zanotti C.
Tiri da 2: 18/42 – Tiri da 3: 12/35 – Tiri Liberi: 6/10 – Rimbalzi: 45 18+27 (Verona 11) – Assist: 14 (Williams 5) – Palle Recuperate: 11 (Verona, Williams 3) – Palle Perse: 11 (Williams 4)

Arbitri: Laura Pallaoro, Francesco Praticò e William Raimondo

Derby spaccacuore a Palermo, SBC ospita Geas nel #ChinesVeronaDay

11 gennaio 2020

Si svolta l’angolo, è tempo di ricominciare tutto da capo. Parte il girone di ritorno in A1 femminile e per la Sicily By Car Palermo è tempo di affrontare nuovamente quella serie di ‘avversarie impossibili’ che avevano baciato il ritorno nella massima serie dopo 29 anni. Domani, al PalaMangano, arriverà la Allianz Geas Sesto San Giovanni, ma sarà molto più di una semplice sfida di campionato.

Prima le fredde ragioni della testa. Si affrontano due squadre reduci da opposte fortune: la SBC Palermo di coach Santino Coppa deve dimenticare le due dolci vittorie consecutive ottenute con Empoli e Lucca. Sesto San Giovanni, dal canto suo, è il classico leone ferito, sconfitto contro pronostico da Empoli nel match dell’Epifania. Squadra costruita per respirare ad elevate quote, la Geas allenata da coach Zanotti, vittoriosa all’andata nell’Opening Day di Chianciano per 70-57, ma con il ritorno delle siciliane nel finale (palla del -3 in mano a 2’ dalla sirena): sesto posto attuale, frutto di sette vittorie e sei sconfitte, molte delle quali a sorpresa. Un roster di assoluto valore, impreziosito dai 16 punti di media a partita della guardia Usa Brooque Williams e dalla versatilità di una lunga atipica come Brunner (10,5 punti e 7,4 rimbalzi) capace di colpire un po’ in tutti i modi. Il ‘pericolo pubblico numero uno’, però, è anche uno dei motivi che rendono questo match perfettamente adatto a chi il cuore non l’avrà debole, ma sicuramente tenero si.

Sarà (nuovamente) derby tra sorelle: Marta Verona contro Costanza Verona. Il capitano della Sicily By Car, opposto alla sorella ex compagna di promozione in A1, pronta a tornare nella sua Palermo per provare a fare la stessa cosa della sorella maggiore, ossia vincere. Sin qui gran giocate e un apporto fondamentale alla sua squadra per la play palermitana, in forza al Geas: 11 punti, 4 rimbalzi e 3,7 assist nella sua quarta stagione in Serie A1 ad appena 20 anni. Si ritroveranno contro domenica, davanti agli occhi di mamma Simona Chines, attuale vicepresidente e giocatrice storica di Palermo, col cuore diviso a metà per le sue due figlie.

Sarà anche, e soprattutto il suo giorno, quello del #ChinesVeronaDay. Da capitano a vicepresidente, passando anche dal ruolo di allenatrice, 29 anni dopo Simona Chines ha riportato il Verga Palermo in A1, nella nuova società del presidente Adolfo Allegra, quest’anno sponsorizzata Sicily By Car. Una targa, proprio da parte del presidente, le sarà consegnata dalle sue due figlie, per la prima volta avversarie al PalaMangano, con indosso due maglie appartenute proprio alla mamma.

Questa sarà la suggestione, ma in palio ci saranno due punti pesantissimi per le rispettive corse in classifica: «Loro sono una squadra molto fisica, che mette tanta pressione – avverte Francesca Russo, guardia SBC Palermo -. Arrivano arrabbiate per aver perso una partita inaspettata. Dobbiamo affrontarle pensando a come l’abbiamo preparata, focalizzandoci sul lavoro fatto in settimana, così da non vanificare quanto di importante costruito con le vittorie di Lucca e contro Empoli».

Palla a due domani, domenica 12 gennaio (ore 18, PalaMangano), affidata a William Raimondo di Scicli (RG), Francesco Praticò di Reggio Calabria (RC) e Laura Pallaoro di Trento (TN).

Under 16, ancora una vittoria: battuta la Pcr Messina

9 gennaio 2020

Quinto successo su sei match di campionato disputati sin qui per la Under 16 targata Sicily By Car Palermo Basket. La squadra allenata da coach Zanet, frutto della collaborazione con la Stella Basket Palermo, si è imposta sulla Polisportiva Cestistica Riunita Messina per 52-35 tra le ‘mura amiche’ della palestra di Borgo Ulivia. Grande equilibrio nel primo periodo, salvo poi vedere uscire alla distanza le giovani palermitane, guidate dalle doppie cifre di Scalavino e Buscemi.

Buona prova da parte di tutte le ragazze, che proseguono spedite nel loro personale testa a testa con la F.lli Denaro Messina, ferma nella seconda giornata di ritorno del girone Rosso Under 16 per osservare il suo turno di riposo. Al momento le due formazioni si trovano appaiate in testa a quota 10, ma con una partita in meno giocata dalle messinesi. Scontro diretto proprio a Messina nel prossimo turno, in programma lunedì 20 gennaio, nella quale le ragazze di Zanet proveranno a ‘vendicare’ la sconfitta dell’andata per 45-46.

Under 16
SICILY BY CAR PALERMO – PCR MESSINA 52-35 (8-10, 30-18, 45-27, 52-35)

SbC Palermo: Abbate 5, Scalavino 11, Guaresi, Pepe 11, Cusimano 2, La Gattuta, Tantillo 2, Montaina 5, Buscemi S. 10, Buscemi G 4, Marolda 2, Vassallo. All. Zanet

Pcr Messina: Mezzapica, Paino 1, Lekaj 1, Monte 8, Morabito 5, Evangelista 2, Sahin 10, Fiorentino 8. All. Correnti

Arbitro: Crupi

Serie B, troppa Alma Patti per la giovane SBC Palermo

7 gennaio 2020

Buona gara, nonostante il passivo pesante per la Sicily By Car di Serie B, sconfitta sul parquet della capolista Patti per 75-54. Avvio complicato per le palermitane, messe subito a dura prova dalla pressione delle quotate avversarie, prime a punteggio pieno dopo otto giornate. La reazione, dal punto di vista offensivo, arriva nel secondo periodo per la SBC con Gioè e Malara, ma dall’altra parte è Lombardo a fare la voce grossa da oltre l’arco.

Buoni i rientri di Tumminello e Lipari nella ripresa, così come il gioco interno di Caliò, ma Patti è un tamburo battente, confermando al 30′ i venti punti di vantaggio del primo tempo. Cappelli è l’ultima a mollare, per una SBC Palermo orfana anche di Casiglia, ma la prestazione delle palermitane rispetto al match d’andata contro Patti risulta alla fine nettamente migliore.

«All’andata abbiamo preso 50 punti da queste avversarie – spiega coach Perseu –, quindi direi che i 20 del ritorno sono un segnale positivo. Loro sono indubbiamente una squadra di un’altra categoria, costruita per il salto in A2. Noi, a discapito della nostra esperienza e giovane età, siamo state brave a giocare insieme e impegnarci molto in difesa».

Sesto posto attuale, con 4 punti, in classifica per la Sicily By Car Palermo in Serie B. Prossimo impegno, sabato 11 gennaio, tra le mura amiche del PalaMangano contro il Cus Catania.

Serie B
ALMA BASKET PATTI – SBC PALERMO BASKET 75-54 (18-6, 41-21, 61-42, 75-54)

Patti: Lombardo 12, Coppolino, Bardarè, Merrina 9, Sciammetta, Chiarella 7, Kramer 7, Diouf 10, Craciun 19, Grilli 11. All. Buzzanca

SBC: Abbate, Pepe, Montaina, Tumminelli 6, Caliò 10, Cappelli 10, Malara 12, Salamone, Nwachukwu, Gioè 11, Lipari 5. All. Perseu

Arbitri: Moschitto, Sapuppo

Under 18, vittoria al supplementare per la SBC sul parquet di Patti

7 gennaio 2020

Prestazione nel complesso non entusiasmante, ma grande orgoglio nel finale per le ragazze dell’Under 18 targata Sicily By Car. Le palermitane di coach Perseu hanno espugnato nel giorno dell’Epifania il difficile parquet di Patti, superando Alma Basket 54-61 dopo un supplementare. Decisiva per le giovani SBC la reazione nel quarto periodo, aperto in svantaggio e terminato con il 53 pari che ha portato entrambe le squadre all’overtime. Nel supplementare le gambe non tremano e con un 8-1 di parziale arrivano anche altri due punti in classifica.

Dopo sei giornate prosegue il testa a testa nel girone unico U18 tra la SBC e la I Have a Team Ragusa, con quest’ultime ancora a punteggio pieno e le palermitane a seguirle in classifica un gradino sotto.

 

Under 18
ALMA BASKET PATTI – SBC PALERMO BASKET 54-61 dts (14-18, 27-31, 42-39, 53-53, 54-61)

Patti: Costantino, Coppolino 16, Bardarè 3, Merrina 19, Sciammetta 2, Ingrassia 1, D’Amico, Diouf 13. All. Buzzanca

SBC: Abbate, Pepe, Montaina, Casiglia 15, Caliò 17, Cappelli 4, Malara 14, Nwachukwu 6, Gioè 5, Salamone. All. Perseu

Arbitro: Cicchetti