La Maddalena Vision vince in volata a Casagiove

In un clima polare, la Maddalena Vision sbanca il palazzetto di Casagiove e vince 53-56 facendo un passo decisivo verso la qualificazione alla seconda fase tra le prime quattro formazioni della Conference.
Parte bene Palermo, priva della guardia Cassarino: dopo le schermaglie iniziali, prova la fuga nel finale di primo quarto grazie al buon rendimento delle lunghe che sottocanestro dominano la partita (15 punti per un’ottima Manfrè). Il primo quarto si conclude 11-17 per le ospiti.
Ma la squadra campana è dura a morire e gioca con un’aggressività che non compete il suo piazzamento in campionato: Palermo fatica in attacco e subisce l’impatto di De Mauro e Natale dalla panchina. Solo un appoggio di Aleo alla sirena consente alla Maddalena Vision di rimanere in vantaggio sul 25-26 a fine primo tempo.
La squadra di Musumeci torna con grinta dallo spogliatoio e nei primi minuti del terzo parziale fugge di nuovo (27-32 al 23’). Ma dopo la fiammata iniziale, le ospiti pian piano si spengono e lasciano troppa libertà realizzativa a Casagiove che torna sotto e sorpassa sfruttando la vena realizzativa di un’eccellente Giannelevigna. Si arriva così all’ultimo quarto sul 44-42.
Nell’ultimo quarto la situazione si fa pesante per le palermitane che arrivano anche sotto di sei punti subendo i canestri di Zampella e Anastasio. Ma proprio nel momento più difficile la Maddalena Vision mostra carattere e risale la china, ricucendo il divario. Aleo e Manfrè seminano il panico nella difesa campana, poi Verona impatta con un tiro dalla media: a 32 secondi dalla fine arriva poi il definitivo sorpasso con un tripla, l’unica di giornata, di Sicola. La giocata della guardia della Maddalena Vision è decisiva e consente di strappare due punti di sola grinta.
La vittoria, come detto, mette la Maddalena Vision in una posizione privilegiata in vista delle ultime giornate: alle palermitane basterà vincere una delle prossime tre partite per qualificarsi. E anche in caso di disfatta, Bari o Sorrento dovrebbero fare sei punti in quattro partite ribaltando lo scontro diretto: nel basket tutto è possibile, ma è chiaro che tante componenti dovrebbero incastrarsi per non permettere alle palermitane le qualificazione. In ogni caso, la squadra di Musumeci dovrà mantenere salda la concentrazione, perché le rimanenti partite (Pesaro, Bari e Sorrento) non solo decideranno il suo destino ma sono test assai probanti in vista del proseguio del campionato.

Maddalena Vision Palermo – Aleo 13, Sicola 11, Ferrara 3, Verona 11, Manfrè 15; Chimenz 3, Giannalia, Zanetti, Ajeareh ne. All. Musumeci, Vice: Chines.
(T2: 20/48, T3: 1/10, Rimbalzi: 28+11, Recuperi: 18, Perse: 22, Assist: 6)

New System Casagiove – Correra 8, Anastasio 10, Popolo 2, Zampella 8, Giannelevigna 13; De Luca 2, De Mauro 4, Natale 4, Politi 2, Iorio ne. All: Belfiore.
(T2: 18/44, T3: 2/11, Rimbalzi: 25+9, Recuperi: 22, Perse: 18, Assist: 7)

Arbitri – Carotenuto e De Prisco.
NOTE
Parziali: 11-17, 14-9 (25-26), 19-16 (44-42), 9-14 (53-56).
Falli: Maddalena Vision 21 – Casagiove 20. Tiri liberi: Maddalena Vision 13/18 – Casagiove 11/18.
Top statistiche: Tiri da due Zampella 100%, Tiri da tre Sicola/Giannelevigna 50%, Rimbalzi Correra 11 (8+3), Assist Aleo 3, Recuperi Zampella 4, Falli subiti Anastasio 6, Valutazione Aleo/Giannelevigna 15.

L’Addetto Stampa
Giuseppe Corrao

Lascia un Commento